Altre notizie, Newscast, Notizie dal mondo, Notizie dall'Italia, Ultime notizie

Uruguay: residenza fiscale per le persone fisiche

In tempi di incertezza e aumento della tassazione, le persone fisiche tendono a cercare paesi alternativi dove registrare la loro residenza fiscale.

L’Uruguay è stato storicamente un “rifugio” per persone di diverse culture. L’assenza di controlli sui cambi di valuta, unita al libero afflusso e deflusso di valuta estera, costituiscono alcuni degli aspetti che rendono attrattivo il paese.

Di recente, molte persone proveniendi dai paesi del MERCOSUR hanno manifestato un rinnovato interesse verso l’Uruguay inteso come paese dove stabilire la residenza fiscale.

In base alle leggi uruguaiane, le persone fisiche diventano residenti fiscali in Uruguay in presenza delle seguenti condizioni: (i) la persona trascorre più di 183 giorni in Uruguay durante un determinato anno calendaristico; (ii) l’individuo mantiene il suo “centro” di attività in Uruguay; (iii) gli interessi principali dell’individuo si trovano in Uruguay; o (iv) l’individuo ha basato i suoi principali “interessi economici” in Uruguay.

Vengono presi in considerazione solo quei giorni di presenza fisica in Uruguay, indipendentemente dai giorni di entrata e uscita; i soggiorni da contare possono essere composti da giornate consecutive o meno.

Le assenze che non superano i 30 giorni sono considerate parte della permanenza richiesta per raggiungere la soglia dei 184 giorni.

Avere “il centro della propria attivita’ in Uruguay” significa la fonte di reddito principale della persona proviene dall’Uruguay; pertanto, il reddito prodotto in Uruguay deve superare il reddito prodotto in qualsiasi altra giurisdizione.

Ai fini di questi confronti, il reddito da investimenti non viene preso in considerazione. Il soggetto deve percepire le sue entrate da lavoro dipendente, o attività economiche svolte in Uruguay (ad esempio, lo stipendio ricevuto come amministratore di una società uruguaiana).

Laddove l’individuo riceva solo redditi da investimento in Uruguay (ad es. dividendi da una società uruguaiana o contratto di locazione di una proprietà immobiliare situata in Uruguay), non sarà considerato residente fiscale nel paese.

Il confronto deve considerare le entrate ottenute in Uruguay con le entrate ricevute in qualsiasi altro paese. Nel caso in cui la persona riceva un reddito in Uruguay, sia derivante da l’attività aziendale che reddito da lavoro dipendente, tutti questi elementi di reddito devono essere presi in considerazione.

Una persona ha i suoi “principali interessi” in Uruguay quando coniuge e figli vivono in Uruguay, a condizione che i coniugi non siano legalmente separati, e che i figli siano affidati alla custodia dei genitori.

Nel caso in cui l’individuo non abbia figli, la presenza del coniuge in Uruguay è sufficiente per diventare residente fiscale.

Si ritiene che un individuo abbia i suoi “principali interessi economici” in Uruguay, quando possiede i seguenti investimenti in Uruguay:

  • Proprietà immobiliari in Uruguay con un valore superiore a circa 1,8 milioni di USD (il valore fiscale è determinato sulla base del prezzo di acquisto in funzione del tasso di inflazione);
  • Attività commerciali di valore superiore ai 5,6 milioni di dollari, a condizione che tali attività siano state dichiarate “promosse” secondo il regime di promozione degli investimenti dell’Uruguay.

I residenti fiscali uruguaiani beneficiano di una temporanea riduzione fiscale (five year tax holiday) rispetto al loro reddito prodotto da investimenti di provenienza estera. Questo è il caso degli interessi pagati da banche straniere, degli interessi pagati da debitori stranieri e dei dividendi da società non uruguaiane.

Tale esenzione fiscale viene calcolata dall’anno successivo a quello in cui è stata acquisita la residenza fiscale in Uruguay.

image_pdfDownloadimage_printPrint