Contenzioso tributario

Reclamo mediazione obbligatorio se la lite non supera i cinquanta mila Euro

Una delle novità contenute nel D.L.n°50/2017, art.10 è sicuramente rappresentata dalla variazione in aumento del valore della lite da ventimila a cinquanta mila euro a cui è strettamente subordinata la possibilità di  attivazione dell’istituto del reclamo-mediazione espressamente previsto dall’art.17 bis del D.lgs.n°546/1992. Ai sensi dell’art.10, comma 2 del richiamato D.L. […]

E’ priva di capacita’ processuale la societa’ cancellata dal registro delle imprese prima della notifica dell’avviso di accertamento e dell’instaurazione del giudizio tributario

In tema di contenzioso tributario, la cancellazione dal registro delle imprese, con  conseguente estinzione della società prima della notifica dell’avviso di accertamento e dell’instaurazione del giudizio di primo grado determina il difetto di capacità processuale nonché il difetto di legittimazione a rappresentarla dell’ex liquidatore, sicchè eliminandosi ogni possibilità di prosecuzione […]

All’articolo 2929 (bis) nomination al Golden Globe della presunzione di colpevolezza

Considerazioni e riflessioni a margine della recente novella Il Legislatore introduce con la norma in esame, in modo fantasioso ma altrettanto pericoloso, uno strumento potente per il creditore al quale è consentito procedere all’esecuzione forzata nei confronti di un presunto debitore senza dover preventivamente ottenere una sentenza favorevole. Ieri, prima […]

La tassa sulla non capacita’ contributiva, ovvero diamo ai poveri ciò che è dei poveri

Il presente articolo prende spunto da alcune, già criticatissime dalla Dottrina in modo unanime, pronunce della Suprema Corte in materia di assoggettabilità ad imposta dei vincoli di destinazione non traslativi (Cass. n.3735-3886-3737/2015). Sebbene tutti i giorni assistiamo alla deprecabile erosione delle e dalle fondamenta dei pilastri che separano il potere […]

Ravvedimento operoso: novità dalla Legge di Stabilità 2015

Con la pubblicazione in G.U. della cd Legge di Stabilità 2015, il legislatore ha apportato numerose novità all’istituto del ravvedimento operoso; in particolare: viene stabilito, limitatamente ai tributi amministrati dalle Entrate, che il ravvedimento non è più inibito dall’inizio di un controllo fiscale ma dalla notifica dell’atto impositivo; sono introdotti […]

Accertamenti “a tavolino”

L’Agenzia delle Entrate ricorre contro una Srl, attiva nel settore della compravendita di immobili, per la cassazione della sentenza della CTR che, riformando la sentenza emessa in I grado, annulla l’avviso di accertamento per le imposte Iva, Irpeg e Irap con il quale veniva rettificato il prezzo di vendita di […]

La difesa del Contribuente e il Diritto Europeo

La difesa del contribuente non può esser capita, compresa, apprezzata e posta in essere se non si capisce quale siano stati gli avvenimenti che hanno attraversato gli ultimi 20 anni della nostra storia di difensori tributari. Ma a ben vedere non è stato un terremoto ma un inevitabile aiuto servito […]

Onere della prova ripartito, ma i fatti incastrano il contribuente

A seguito di PVC, veniva notificato al titolare di una ditta individuale un avviso di accertamento, con il quale l’ufficio recuperava a tassazione, ai fini Irpef, Irap ed IVA a seguito dell’indebita deduzione di costi e l’indebita detrazione dell’ IVA su fatture emesse per operazioni ritenute soggettivamente inesistenti, l’omessa contabilizzazione […]

Prezzo maggiorato e ipotesi di reato

La Corte d’appello confermava la condanna di un imputato nella qualità di Au. per il reato di bancarotta fraudolenta patrimoniale commesso nella gestione delle società di un Gruppo in concorso con gli amministratori delle medesime e, in parziale riforma della pronunzia di primo grado, riteneva la sua responsabilità anche per […]